Ferrari 250 Gt Cabriolet Série II de 1963

<- Torna alla galleria fotografica "Le belle italiane"

Caratteristiche:

Motore : V12
Telaio tubolare in acciaio, sospensioni anteriori indipendenti con doppi bracci oscillanti e molle elicoidali al posteriore, un solido asse con balestre semi-ellittiche e bracci longitudinali paralleli.
4 ammortizzatori idraulici telescopici
4 freni a disco Dunlop
Peso: 1 050 kg
Velocità massima 240 chilometri all'ora
200 unità costruite

FERRARI

Dal 1940 ad oggi

Auto costruzione Ferrari a Modena 1946-1960

Societa Esercizio Fabbriche Automobili e Corse Ferrari Maranello (Modena) dal 1960 ad oggi

A seguito di un contratto che lo legava alla Alfa Romeo, nel 1940 Enzo Ferrari ha progettato una macchina che non portava il suo nome, ma il marchio "Auto Avio Costruzioni". Ma nel 1947 il "famoso Cavalino" su fondo giallo (il colore della città di Modena) apparve su un coperchio: quello della 125 S con motore a 12 cilindri.

Da quel momento, nessun marchio italiano susciterà nel mondo una ammirazione pari a quella della Ferrari.

Ferrari 250 GT Cabriolet Serie II 1963

Bella cabriolet nata dal design di Pininfarina, è stata  presentata in anteprima al Salone di Parigi nel 1959, è equipaggiata con il famoso motore progettato dall’ ingegnere Gioacchino Colombo il  V12 3 litri, 240 CV che spingevano questa molto comoda cabriolet a più di 200 km / h.

Questo magnifico motore era inoltre in dotazione alla serie 250, sul cui piano sportivo si baserà la reputazione senza pari di Ferrari.

Il successo raggiungerà il suo culmine con il 250 Tour de France ,la famosa 250 GTO ed infine la 250 LM a motore centrale.

<- Torna alla galleria fotografica